EAAFqRzPa6eoBALHRi4OsgAAfZAWCT8DlCBsrPCnjEOykIwha8JLYAqXMrDEOSaSwHU6a8UyZACKPgCRdojGIGZC8MUZCCtBmk44d5qt1SdHUjJleKxqbMNnf47p8dOqBaK0cfAuVlSBFP5xLjE4sD0MsQBrYFTzPJ8YQ0ZBFDSLNAmINp1Sb4YGvDizF2qxIZD

Allenarsi con il Kinesis Technogym

Il Kinesis è un attrezzo dotato di un sistema di cavi che permette traiettorie di movimento completamente libere, con la possibilità quindi di praticare un allenamento funzionale a vantaggio di tutti i benefici che esso comporta in termini di specifiche abilità motorie. L’allenamento funzionale risponde alla ricerca, sempre più sentita, di spostare il fulcro del lavoro verso un’attività che punti ad un benessere globale del soggetto, che lo renda realmente più funzionale rispetto al mondo che lo circonda, e con il Kinesis si può. I vantaggi infatti sono molteplici, si parla cioè di un miglioramento della mobilità articolare, della flessibilità muscolo-tendinea, della coordinazione e dell’equilibrio. Con il Kinesis si ha inoltre la possibilità di regolare la resistenza dei cavi, quindi di rendere lo stesso gesto più o meno impegnativo a seconda dello stato di preparazione dell’individuo e dei suoi obiettivi, si ha pertanto anche la possibilità di stimolare la muscolatura con esercizi per l’allenamento della forza e della forza resistente.


“Esercizi localizzati o combinati”
Il Kinesis è un’ottima soluzione anche nel caso di un soggetto che debba invece concentrarsi su singoli distretti muscolari (petto, bicipite, gluteo, ecc.), con la differenza però che il movimento non è guidato come nelle macchine isotoniche tradizionali ma è la persona che deve controllarlo, da un lato c’è maggior rischio di sbagliare ma dall’altro si impara a muovere il proprio corpo o parti di esso nello spazio (cosa non scontata) grazie all’acquisizione di una maggiore consapevolezza di se. In questo caso la persona potrebbe copiare il gesto della Chest Press, Lat Machine o Shoulder Press per fare qualche esempio, e far lavorare il muscolo specifico, senza perdere di elasticità. Questi ultimi esercizi sarebbero considerati “di base” e quindi i primi consigliati in un eventuale percorso propedeutico in caso di soggetti che non hanno mai lavorato a corpo libero ed hanno solamente utilizzato attrezzi isotonici (macchine guidate); una volta acquisiti, si può passare ad esercizi più complessi, si parla in questo caso di esercizi combinati, dove mettiamo in moto per esempio gambe e braccia nello stesso momento, così da avvicinarci sempre di più ad una ginnastica funzionale.

“Il Kinesis per lo sport”
Il Kinesis è un’ottimo attrezzo anche per lo sportivo; grazie infatti alla libertà di movimento permessa dal sistema di cavi, è possibile copiare gesti tecnici di uno specifico sport (tennis, beach tennis, golf, baseball, ecc.), soprattutto in quegli sport dove occorrono movimenti esplosivi. Potrebbe essere quindi inserito all’interno di programmi di preparazione atletica, facendo ripetere più volte all’atleta il gesto tecnico dello sport che pratica, potenziandolo grazie alla resistenza dei cavi.

“Ginnastica posturale”
Il Kinesis è molto adatto anche per chi ha esigenza di praticare una ginnastica posturale; gli esercizi per questo tipo di ginnastica a corpo libero possono prevedere infatti l’uso dei cavi che provocherebbero una resistenza da vincere, così da creare situazioni di contrazioni isometriche per la muscolatura generale, per gli stabilizzatori del tronco, per i muscoli delle gambe e della parte superiore del corpo, proprio per il fatto che il soggetto deve mantenere una posizione del corpo resistendo ai cavi per uno determinato tempo. Si possono comunque proporre esercizi statici oppure dinamici ma con movimenti lenti, senza perdere di vista una corretta respirazione, rispettando i tempi di espirazione ed inspirazione.